credo gregoriano

CREDO GREGORIANO III

Credo Gregoriano: Il brano

Credo gregoriano (III) del Graduale viene tradizionalmente cantato con i brani della Missa De Angelis. Nel 1974 papa Paolo VI scelse questo credo tra i vari brani da inserire nella raccolta del libretto “Jubilate Deo“. 

Il libretto fu rilasciato dalla Sacra Congregazione per il Culto Divino come “dono personale” di Paolo VI ai vescovi cattolici del mondo e ai superiori degli ordini religiosi.

Tale dispensa conteneva il repertorio minimo di canti gregoriani che l’assemblea era invitata a conoscere, con il duplice scopo di mantenere vivi i canti liturgici tradizionali, e di avere una  raccolta universalmente nota a cui attingere per le celebrazioni dell’Anno Santo (1975).

Credo Gregoriano: Un po’ di storia…

Il Simbolo degli Apostoli raccoglie le principali verità di fede, ne è il riassunto. Accanto a questo, nel quarto secolo, nacque il Credo Niceno-Costantinopolitano. Il Concilio di Nicea (325) e il Concilio di Costantinopoli (381)  definirono i punti salienti dellla Scrittura, così da dare un compendio completo della dottrina della fede

Il Credo pertanto ha un carattere universale: è un patrimonio di fede non solo per i cristiani cattolici, ma per tutti i cristiani d’Oriente e d’Occidente.

Io credo in Dio, Padre onnipotente, 
creatore del cielo e della terra. 
E in Gesù Cristo 
suo unico Figlio nostro Signore, 
il quale fu concepito di Spirito Santo,
 nacque da Maria Vergine, 
patì sotto Ponzio Pilato, 
fu crocifisso, morì e fu sepolto; 
discese agli inferi; 
il terzo giorno risuscitò da morte; 
salì al cielo, 
siede alla destra di Dio Padre onnipotente: 
di là verrà a giudicare i vivi e i morti. 
Credo nello Spirito Santo, 
la santa Chiesa cattolica, 
la comunione dei santi, 
la remissione dei peccati, 
la risurrezione della carne, 
la vita eterna. Amen. 

Credo Gregoriano: mp3 e Spartito

Credo Gregoriano Spartito .PDF

CREDO III

Ti consigliamo anche di consultare il Graduale Romanum.

unsplash-logoAndy Montes de Oca