IL CONTRALTO: INTRODUZIONE AD UNA VOCE INSOLITA

IL CONTRALTO: INTRODUZIONE AD UNA VOCE INSOLITA

Che cosa definisce un vero contralto? Molti concordano sul fatto che sia una voce affascinante, che rifletta spesso un colore e qualità vocali insolite. Per alcuni professionisti vocali può essere difficile determinare se un cantante sia un vero contralto. Quali sono dunque le caratteristiche specifiche di questa voce?

Caratteristiche che contraddistinguono il Contralto dalle altre voci sono specifiche di timbro, colore e intensità della forza nei registri medio e di petto. In genere, gli elementi fondamentali che definiscono ogni tipo di voce sono: timbro, i singoli colori, la tessitura, la personalità o temperamento. Un istruttore che si dedica alla  vocalità, lavora per la valutazione e il bilanciamento di questi fattori, il che porta ad una identificazione accurata della categoria vocale.

Caratteristiche comuni del Contralto

Il contralto ha transizioni di registro simile a quello del basso.  Mentre mantenere  il registro di petto nei campi superiori potrebbe essere dannosa per altri tipi di voce, il contralto spesso canta in maniera abbastanza confortevole le note alte nel registro petto (meccanismo “pesante”). In realtà, è perché si trova molto più a suo agio a portare la funzione di petto leggermente più in alto piuttosto che a portare in basso il meccanismo di testa.

Solitamente il registro intermedio di un vero contralto è piuttosto breve. Il contralto deve sviluppare un ampliamento acustico dello spazio faringeo al fine di ottenere, nel registro intermedio, l’avvicinamento corretto delle corde e quindi una  maggiore presenza e pienezza del suono. Il rinomato pedagogo William Vennard parla a lungo del movimento oscillante della laringe, nel registro medio. Questo, che lui chiama “pivot”, è un elemento fondamentale per un canto salutare nel registro intermedio e aiuta il contralto ad ottenere un suono più pieno.

Il contralto canta spesso sui bordi spessi della corde vocali, piuttosto che su i bordi sottili.  Se i bordi sottili non sono impiegati, il cantante spinge la pressione dell’aria attraverso le corde vocali  più di quanto sia necessario. Questa pressione del respiro disturba l’adduzione sana delle corde vocali. Un sistema per raggiungere l’ equilibrio nel registro è ottenuto utilizzando i bordi  sottili delle corde vocali nel registro medio e di petto. Per usare i bordi sottili nella zona superiore del registro di petto, si deve ottenere una sensazione di leggerezza come nel parlato.

Ricapitolando:

  • una lunga estensione del registro di petto nella gamma bassa;
  • necessità di una maggiore espansione dello spazio faringeo nel registro intermedio, al fine di produrre un suono pieno;
  • un unico colore fumé scuro nei registri intermedio e di petto;
  • uso del registro di petto in campi superiori rispetto a molti altri tipi di voce;
  • registro intermedio corto;
  • registro superiore eccessivamente luminoso o voce di testa “scollegata” ;
  • utilizzo delle corde vocali spesse.

Cause di adduzione impropria delle corde vocali

  • Respiro preso troppo in “alto” nel corpo. Questo tipo di respirazione favorisce una pressione eccessiva sotto le corde vocali.
  • Respiro rumoroso invece che un respiro silenzioso. Questo può alzare la posizione della laringe.
  • Mancanza della sensazione di restringimento delle vocali nella salita di tono verso il passaggio superiore (risultato acustico della inclinazione della laringe, comporta la transizione corretta alla voce di testa.)
  • Pressione causata dal colorare artificialmente la voce. Al fine di creare fonazione, la cantante mantiene troppa pressione sulle corde vocali.
unsplash-logoCarlos Macías