candlelight

CANDLELIGHT CAROL – JOHN RUTTER

SATBB

Candlelight Carol è una splendida ninna nanna, che racconta la storia di Natale in un modo unico e sensibile. Le parti vocali cantabili e ricche di armonie sono di grande effetto, sia cantate da grandi che da piccoli gruppi corali. Candlelight Carol di John Rutter, è il Silent Night del XX° secolo. Un pezzo che catapulta davvero nell’atmosfera della stagione natalizia. Questo lavoro espressivo, con le sue parole toccanti, è un pezzo perfetto da cantare in un silenzio raccolto e “a lume di candela”.

Candlelight Carol: il TESTO ORIGINALE 

How do you capture the wind on the water? 
How do you count all the stars in the sky?
How can you measure the love of a mother,
or how can you write down a baby's first cry?
Candlelight, angel light, firelight and starglow
shine on his cradle till breaking of dawn.
Gloria, Gloria in excelsis deo!
Angels are singing; the Christ Child is born.
Shepherds and wisemen will kneel and adore him,
Seraphim round him their vigil will keep;
Nations proclaim him their Lord and their Savior,
but Mary will hold him and sing him to sleep. (rit.)
Find him at Bethlehem laid in a manger:
Christ our Redeemer asleep in the hay.
Godhead incarnate and hope of salvation:
A child with his mother that first Christmas Day. (rit.)

Candlelight Carol: i file mp3 e spartito

Lo spartito di Candlelight Carol con il testo originale in inglese è scaricabile QUI.

SOPRANO
CONTRALTO
TENORE
BASSO
VOCI BIANCHE

Candlelight Carol: l’autore

John Rutter è un compositore contemporaneo. La sua carriera compositiva comprende sia grandi che piccoli lavori corali, orchestrali e strumentali, un concerto per pianoforte, musica per la televisione, e pezzi per gruppi come la Philip Jones Brass Ensemble e i cantanti del re. Le sue opere corali maggiori, Gloria (1974) , Requiem (1985), Magnificat ( 1990), Psalmfest (1993) e la Messa dei Bambini (2003) sono state eseguite molte volte in Gran Bretagna, Nord America , e iniziano ad essere apprezzate anche in altri paesi .

unsplash-logoEnrique Macias